Se pensi che avere e gestire una newsletter sia una cosa che appartiene al passato, rischi di perderti delle grosse opportunità!

In tempi in cui i social media e la loro comunicazione a due canali (noi scriviamo, le persone che ci leggono possono interagire con noi in tempo reale) sono la principale attività di comunicazione per tantissimi, soprattutto per piccole e micro attività, il valore di un luogo più lento, che non ha scadenza (come una storia) e che permette di raccontarsi senza limiti di caratteri, è ancora più grande.

La newsletter non ha tempo. Possiamo tenerla lì e leggerla quando vogliamo, possiamo rileggerla più volte, non scompare dopo 24 ore, non corre. L’opposto di un post social.

Capirai anche da questo punto quanto una comunicazione a cui tieni particolarmente sia più efficacemente veicolata attraverso una newsletter.

Perche’ avere una newsletter ha valore per una piccola attivita’. A cosa serve?

  1. Attraverso la newsletter creiamo un legame con i nostri clienti: una newsletter regolare consente di mantenere una comunicazione costante e costruire un rapporto di fiducia con loro. In questo modo, i clienti si sentiranno più coinvolti e avranno l’impressione di essere parte della nostra comunità.
  2. Informiamo i clienti sui nuovi prodotti o servizi. Chi ci conosce e ci segue, e magari ha già comprato da noi, è in quella fase avanzata del funnel di marketing della confidenza, pronto per la conversione. Vendere un nuovo prodotto o servizio a questo tipo di cliente è più facile, meno costoso e veloce rispetto ad un prospect che ancora non sa chi siamo.
  3. Inviamo informazioni dettagliate su di noi e su quello che facciamo, sconti o promozioni esclusive.
  4. Fidelizziamo i clienti: una newsletter può aiutare a mantenere i clienti fedeli. Se i tuoi clienti ricevono regolarmente informazioni utili, sconti o promozioni esclusive, saranno più propensi a rimanerti fedeli.
  5. Aumentiamo la visibilità degli altri canali di comunicazione: la newsletter può aiutarci a far crescere il traffico sul sito o sui social. Hai un blog? Inserisci nella tua newsletter delle anticipazioni dei tuoi articoli più rilevanti, aggiungi il bottone e invia i lettori sul tuo sito a leggere l’articolo completo.
  6. Costruiamo la nostra autorevolezza. Non abbiamo limiti di spazio e caratteri, possiamo raccontare la nostra storia e le nostre esperienze per accrescere la consapevolezza della nostra preparazione. Se sui social fai più fatica a raccontarti in modo personale, potrebbe essere che sulla newsletter ti venga più naturale. I racconti delle tue esperienze lavorative saranno una bella spinta per farti considerare come l’esperta della tua nicchia!

In sintesi, la newsletter è tutt’altro che uno strumento superato!

É una modalità di comunicazione più sostenibile e gentile (se non la usiamo in modo compulsivo, caso in cui diventa spam), che lascia il tempo al lettore di fruirne secondo le proprie modalità e tempi.

Ci lascia lo spazio per raccontarci e per confidarci.

Ti ho convinta?

Iscriviti alla lista d’attesa del corso Newsletter per piccoli brand, il corso che ti renderà indipendente nella gestione della tua newsletter, con inclusa una consulenza individuale con me.